Gran Canaria
Web Ufficiale del Turismo di Gran Canaria
Silueta Gran Canaria Site Map
Gran Canaria
L'isola

Il percorso magico del Tajinaste Blu

Il percorso magico del Tajinaste Blu

Il sentiero che parte dalla Caldera di Los Marteles e arriva a Tenteniguada è uno dei tanti posti dell’isola che sembra fatto apposta per far innamorare i visitatori. Infatti ogni passo riserva un'emozione.

Si tratta di un luogo immerso nella natura, non c’è nient’altro, e tuttavia le sorprese piacevoli saranno molteplici.  L’immensità del paesaggio è grandiosa ed il fatto di camminare sopra le nuvole è una sensazione stupefacente per chiunque. Il lusso di camminare in zone che sono state risparmiate dall’intervento dell’uomo e dell’industria, ci mette a contatto con la nostra essenza.

[] Tajinaste azul

Durante l’itinerario si cammina tra i 1.000 e i 1.500 metri di altezza, in alcuni punti anche più in alto. La flora è molto ricca ma senza dubbio il re delle specie botaniche di questo percorso è il Tajinaste Blu di Gran Canaria, un bellissimo arbusto ramificato che può raggiungere i tre metri e mezzo d’altezza.

La sua maggiore e risaputa concentrazione si trova proprio in questa zona. Consigliamo di visitare il luogo tra i mesi di gennaio e aprile, durante il periodo di fioritura di questa pianta. Ciò renderà la passeggiata un ricordo sereno e bello come pochi. Qui abbondano anche la ginestra gialla ed il cardo di Tenteniguada. Questo itinerario è un modo privilegiato per entrare in contatto con la flora dell’isola.

Una delle altre dolci sorprese che appaiono durante questo percorso sono i diversi punti d’acqua, piccole sorgenti che alimentano e danno vita alla vegetazione della zona. Mentre si cammina è bene prestare molta attenzione per non perdersi il volo di una poiana o di qualche gheppio che spesso frequentano il cielo di questa zona, abbellendo il paesaggio ed arricchendo la biodiversità.

Quando cala il tramonto, perfino nelle giornate calde ed i mesi estivi, è probabile vedere arrivare una nebbiolina a coprire il paesaggio di un grigio caldo, come mi è successo quando ho incontrato un Bombus Canariensis, conosciuto come Bombo Canario. Si tratta di una specie molto comune in questo itinerario, ed uno dei migliori impollinatori dell’arcipelago.

Il nostro amico insetto svolge un lavoro instancabile, andando di fiore in fiore, alla ricerca del nettare energetico, e allo stesso tempo trasportando il polline che garantirà la futura generazione della vegetazione dei boschi e campi. Che fine farebbero i nostri boschi senza il suo protagonista, dal momento che sono molte le piante che beneficiano del suo lavoro: dai tajinastes, ai cardi, ginestre, ginestre ghiandolose, salvia, etc… La sua funzione è stata premiata con l’inserimento nel nuovo Catalogo di Specie Protette sotto la voce di "Interesse per gli ecosistemi canari". Una cosa così piccola ma alla fine così importante.

E così, dopo aver fatto questo percorso, tutto sembra trovare il suo posto, assumere un significato. Le radici, che spesso sono alla vista, ci ricordano da dove veniamo e quali cose dobbiamo veramente curare e mantenere vive...



Documento sin título
Dati d’interesse

- Centro d’Interpretazione e Ufficio di Turismo di Valsequillo
Avda. Juan Carlos I, 8
35217 - Valsequillo
Telefono: (+34) 928 705 761
E-mail: turismo@valsequillogc.net
Sito web: www.turismovalsequillo.com

Mercatino di Valsequillo:
Aperto tutte le domeniche dalle ore 8:00 alle 14:00
Si possono comprare prodotti freschi e di qualità a prezzi competitivi. Consigliamo i formaggi del comune, ma anche la frutta, verdura, olive e pane del posto.

+ info

I cookie le permettono di visualizzare i contenuti correttamente. Accedendo ai nostri servizi accetta il suo utilizzo. Se continua la navigazione vuol dire che accetta il suo utilizzo.